Giuseppe Toscano, fascista e reduce di guerra, è andato oltre

Giuseppe Toscano, fascista e reduce di guerra, è andato oltreNel pomeriggio di ieri, 22 maggio, il camerata Giuseppe Toscano ha esalato l’ultimo respiro dopo lunghi mesi in cui non godeva di buona salute fisica nonostante i 99 anni di età.

Nato a Bagaladi in provincia di Reggio Calabria il 4 ottobre 1916, orfano di guerra del padre Domenico, caduto per l’onore della Patria nel giugno del 1917 all’età di 21 anni, valoroso combattente della Grande Guerra.

Giuseppe ha preso subito coscienza di voler essere fascista e lo è sempre stato con la massima fedeltà, ha fatto parte sin da subito delle organizzazioni fasciste dell’epoca, si è sempre distinto per il suo animo anti-comunista, Mussoliniano viscerale, ha preso parte alla Seconda Guerra Mondiale nella Regia Marina, lui stesso amava ricordare la guerra in Grecia dove si occupava di gestire le munizioni dell’artiglieria.

Con il tradimento alla Patria, avvenuto prima il 25 luglio e poi l’8 settembre del 1943, diventa cannoniere artificiere presso il Castello aragonese di Reggio Calabria, sino al termine della guerra, senza mai mancare di fedeltà alla Patria. Nel dopoguerra entra nelle ferrovie italiane come operaio poliedrico presso il deposito locomotive.

Padre, nonno e bis-nonno esemplare, lascia tre figli, nipoti e pro-nipoti e sopratutto lascia con onore questa terra, a testa alta, non esitava a salutare romanamente quando i camerati andavano a trovarlo, erano appassionanti i suoi ricordi, uomini così sarà difficile averne, ciao camerata Giuseppe, che il cielo ti sia lieve.

Giuseppe Toscano, fascista e reduce di guerra, è andato oltre

Precedente Luisa Ferida‬, donna incinta condannata a morte da Pertini Successivo Il Manifesto dei Fasci italiani di combattimento - 6 giugno 1919